UniSalento. Quarto incontro del ciclo di masterclass “Scrivere SERIALmente”

da | 2 dicembre 2016 | Apulia Film Commission, Cinema, Istruzione, Lecce, Rassegne, Università del Salento | 0 commenti

cineporto

scrivere serialmente

Lunedì 5 dicembre 2016, è in programma il quarto incontro del ciclo di masterclass “Scrivere SERIALmente”, un’iniziativa del Cineclub Universitario del corso di laurea in Scienze della Comunicazione dell’Università del Salento e di Apulia Film Commission.

Appuntamento alle ore 19 al Cineporto di Lecce (ingresso libero e gratuito) per parlare della serie televisiva “1992”. La masterclass sarà tenuta da Stefano Sardo e Alessandro Fabbri.

Stefano Sardo

Nasce a Bra nel 1972, vive a Roma, scrive per cinema e televisione. Con Alessandro Fabbri e Ludovica Rampoldi, con cui ha creato “1992”, ha firmato anche le tre stagioni dell’adattamento italiano di “In treatment” e, per il cinema, “La Doppia Ora” (di Giuseppe Capotondi, 2009) e “Il Ragazzo Invisibile” I e II (di Gabriele Salvatores, 2015). Ha inoltre firmato i copioni di film (“Tatanka”, “Workers”, “Monolith”) e altre serie tv. Nel 2013 ha diretto il documentario “Slow Food Story”, per Indigo Film, presentato al Festival di Berlino e a Telluride. Sta attualmente lavorando a “1993” (il sequel di “1992”) prodotto da Wildside e Sky Italia.

Alessandro Fabbri

È creatore, con Ludovica Rampoldi e Stefano Sardo, della serie tv “1992”.  Alessandro Fabbri, nato a Ravenna nel 1978, vive a Roma. È scrittore e sceneggiatore per cinema e tv. Vincitore del Premio Campiello Giovani 1996, ha pubblicato i romanzi “Mosche a Hollywood” (minimum fax, 2000), tradotto in Russia, “Quell’Estate di Sangue e di Luna” (scritto con Eraldo Baldini, Einaudi Stile Libero, 2008), “Il Re dell’Ultima Spiaggia” (Bompiani, 2010) e “Il Ragazzo Invisibile” (scritto con Ludovica Rampoldi e Stefano Sardo, Salani 2014). Come sceneggiatore ha firmato i film “Hollywood Flies”, tratto dal suo primo romanzo, “La Doppia Ora”, in concorso al 66° Festival di Venezia, “Il Ragazzo Invisibile” 1 e 2, diretti da Gabriele Salvatores, e l’adattamento italiano della serie “In Treatment”.